Top menu

Vivere a Gran Canaria: importare l’automobile – Nota finale

Segue da:
Vivere a Gran Canaria: importare l’automobile (passo 1) DUA
Vivere a Gran Canaria: importare l’automobile (passo 2) Traduzione Carta di Circolazione

Vivere a Gran Canaria: importare l’automobile (passo 3) ITV
Vivere a Gran Canaria: importare l’automobile (passo 4) Hacienda
Vivere a Gran Canaria: importare l’automobile (passo 5) Tassa di proprietà (impuesto)
Vivere a Gran Canaria: importare l’automobile (passo 6) Immatricolazione
Vivere a Gran Canaria: importare l’automobile (passo 7) Assicurazione
Vivere a Gran Canaria: importare l’automobile (passo 8) Consolato
Vivere a Gran Canaria: importare l’automobile – Conclusioni

Finalmente sono riuscito ad avere il certificato dell’ACI-PRA di esportazione definitiva dell’auto, c’è voluto un po’ di tempo per diversi motivi, però possiamo prendere un piccolo ultimo accorgimento che ci farà risparmiare tempo (sempre molto importante), vediamo come.

Come vi avevo detto QUI non dobbiamo solo aspettare che arrivi il certificato, perché dobbiamo pagare anche la pratica per l’esportazione all’ACI, come possiamo vedere a questa pagina del sito dell’automobile club italiano dobbiamo pagare quanto segue:

  • € 7,44 per emolumenti ACI
  • € 29,24 per imposta di bollo
  • € 9,00 per diritti DTT + € 1,80 per spese postali
  • € 0,75 per  spese postali per l’invio del certificato in zona 1

Per un totale di € 48,43. Io ho dovuto inviare il denaro in due volte perché proprio nei giorni che ho eseguito il primo versamento è passata la Circolare DsD n° 11277 del 30/9/11, con riferimento alla Circolare della Direzione Generale per la Motorizzazione n. 9866 del 25/03/2011 in tema di cessazione dei veicoli a motore, stabilisce che le Carte di Circolazione relative ai veicoli da esportare nei Paesi della UE, devono essere annullate attraverso l’applicazione di un tagliando emesso dal Dipartimento Trasporti Terrestri.

Il costo di questa operazione è appunto di € 9,00+spese postali. ed il pagamento di questa somma l’ho dovuto eseguire in un secondo momento, quindi poi hanno dovuto aspettare il buon esito del trasferimento per avviare la pratica, questo significa aumentare ulteriormente i giorni di attesa. Comunque ora hanno anche aggiornato la pagina che spiega quanto e come pagare, io personalmente l’ho fatto tramite bonifico bancario visto che è rapido, non ha costi aggiuntivi e si può fare da qualsiasi parte del mondo avendo una connessione ad internet.

Attenzione bene; tutta questa operazione si può fare in anticipo, così che quando il consolato invia la busta può inserire la ricevuta del bonifico in modo da avviare la pratica di esportazione appena arrivano i documenti all’ufficio ACI di competenza.

Ho chiesto con gentilezza, e sono riuscito a farmi anticipare via mail, dall’ufficio di Milano la scansione del certificato così da poter inviare l’annullamento della polizza assicurativa italiana (Directline) per avere il rimborso dei mesi non usufruiti.

NOTA: Facendo tutto questo in anticipo avrei risparmiato un’altro mese.

, , , , , ,

No comments yet.

Rispondi

Powered by WordPress. Designed by Woo Themes